Posts contrassegnato dai tag ‘rim’


rim_hq

Ieri sera giorno di trimestrale per RIM. L’ultima prima del lancio del BlackBerry10 atteso tra poco più di un mese, il 30 Gennaio come oramai sapete.

E la notizia importante è che la Società Canadese ha battuto le stime degli analisti, soprattutto per quanto riguarda la cassa, aumentata a 2.9 miliardi di dollari, 600 milioni in più rispetto all’esercizio precedente. Questo significa che RIM è in buona salute, che non perde soldi (anzi!) e consegna un buon numero di device mantenendo la sua quota di mercato in molti paesi.

Ecco i principali risultati del trimestre conclusosi il 1 dicembre scorso:

– Aumento di cassa a 2.9 miliardi di dollari, 600 milioni in più rispetto alla precedente trimestrale;

– Fatturato pari a 2.7 miliardi di dollari (stima degli analisti era per 2.66 miliardi);

– 6.9 milioni di BlackBerry Venduti (confermate le stime)

– 255.000 BlackBerry PlayBook venduti (le stime erano per 150.000)

– 79 milioni di clienti in calo rispetto agli 80 milioni del trimestre precedente ma in linea con la stima degli analisti.

Risultati che dimostrano la solidità dell’azienda Canadese, anche se tanto deve essere ancora fatto. Gli utili per azioni sono sempre negativi ( -0,22 $ per azione rispetto ai -0,35 stimati dagli analisti) e la società deve recuperare quote nei mercati occidentali. In attesa dell’ormai prossimo lancio del BlackBerry10.

Aggiornamentoappena dopo l’uscita della trimestrale il titolo RIM era salito nell’After Hours fino a 15 dollari ad azione per poi chiudere in negativo di ben nove punti percentuali.

Il motivo sembra risiedere in una dichiarazione di Thorsten Heins che durante la consueta conferenza stampa, per commentare i dati societari ,avrebbe dichiarato che la società Canadese sta pensando di rivedere i costi dei suoi servizi facendo scegliere se far pagare o meno chi vuole sicurezza e servizi(BIS e BES in sostanza, e qualcuno mormora anche di un cambio di politica su BBM). Questo ha gettato tra gli investitori il timore che una parte del fatturato possa essere in pericolo.

Ecco la dichiarazione di Heins riportata da Blooomberg: Subscribers that want enhanced services, including advanced security, will continue to pay a fee, while others who do not use such services “are expected to generate less or no service revenue,” Chief Executive Officer Thorsten Heins said on a conference call with analysts today. 

 

Research In Motion Reports Third Quarter Fiscal 2013 Results

WATERLOO, ONTARIO–(Marketwire – December 20, 2012) – Research In Motion Limited (RIM) (NASDAQ: RIMM)(TSX: RIM), a world leader in the mobile communications market, today reported third quarter results for the three months ended December 1, 2012 (all figures in U.S. dollars and U.S. GAAP, except where otherwise indicated).


Highlights:

 

  • Cash increase of approximately $600 million to $2.9 billion
  • Cash flow from operations was approximately $950 million
  • Revenue of $2.7 billion
  • GAAP net income from continuing operations of $14 million, or $0.03 per share diluted, including a $166 million favorable tax settlement
  • Adjusted net loss of $114 million, or $0.22 per share diluted
  • BlackBerry subscriber base of approximately 79 million users
  • Shipments of 6.9 million smartphones and 255,000 PlayBooks
  • RIM’s Chief Information Officer, Robin Bienfait, announces retirement

 


Q3 Results

Revenue for the third quarter of fiscal 2013 was $2.7 billion, down 5% from $2.9 billion in the previous quarter and down 47% from $5.2 billion in the same quarter of fiscal 2012. The revenue breakdown for the quarter was approximately 60% for hardware, 36% for service and 4% for software and other revenue. During the quarter, RIM shipped approximately 6.9 million BlackBerry smartphones and approximately 255,000BlackBerry PlayBook tablets.

GAAP net income for the quarter from continuing operations was $14 million, or $0.03 per share diluted. GAAP net income for the quarter, including loss from discontinued operations, was $9 million, or $0.02 per share diluted, compared with the GAAP net loss of $235 million, or $0.45 per share diluted, in the prior quarter and a GAAP net income of $265 million, or $0.51 per share diluted, in the same quarter last year.

Adjusted net loss for the third quarter was $114 million, or $0.22 per share diluted. Adjusted net loss and adjusted diluted loss per share exclude the impact of pre-tax charges of $55 million ($38 million on an after-tax basis) related to the Cost Optimization and Resource Efficiency (“CORE”) program and excludes the impact of an income tax benefit of $166 million. These impacts on GAAP net income from continuing operations and diluted earnings per share are summarized in the table below.

“RIM continued to execute on its product roadmap plans and to deliver on key financial metrics as it gets set for the global launch of BlackBerry 10,” said Thorsten Heins, President and CEO. “During the third quarter, we continued to demonstrate our strong financial position, generating $950 million in cash flow from operations, and increasing our cash position significantly to more than $2.9 billion. More than 150 carriers are currently completing technical acceptance programs for the first BlackBerry 10 products, and beta trials of BlackBerry Enterprise Service 10 are underway at more than 120 enterprises including 64 Fortune 500 companies. This is an exciting time and our carrier partners, application developers and employees are all looking forward to unveiling the innovation and excitement of BlackBerry 10 to our customers on January 30, 2013.”

 

RIM also announced today that Robin Bienfait, Chief Information Officer for RIM has made the decision to retire at the end of this year following 6 years of service to the Company. Robin has committed to continue supporting RIM in an advisory capacity to enable a smooth launch and seamless transition.

Under Robin’s watch, the BlackBerry service infrastructure has grown from 47 petabytes per year to more than 33 petabytes per month at the same time as the internal corporate infrastructure for RIM has grown at a remarkable pace. Robin joined RIM in the beginning of 2007 with the mandate to take RIM’s BlackBerry data services infrastructure from a single presence in Canada to a distributed model connecting to over 650 carrier partners worldwide. In addition, over this past year, Robin has led RIM’s Enterprise business unit focused on enabling services for Enterprise customers and preparing for the launch of the BlackBerry 10 platform. Robin has led a distinguished career. Before joining RIM, Robin held a number of senior leadership positions at AT&T and Bell Labs for over 22 years.

“Robin has been an outstanding CIO and has built a world class organization. Her team has diligently prepared us for the launch of BlackBerry 10 and beyond, and I will remain deeply grateful for her leadership and commitment,” said Thorsten Heins, President and CEO of Research In Motion.

 


Outlook

The Company expects that there will be continued pressure on operating results as it gets set to launch its BlackBerry 10 platform in the fourth quarter. The Company intends to continue to consider using pricing initiatives on BlackBerry 7 devices and service fees in some markets as a way to maintain our subscriber base and drive more BlackBerry users. The timing of the BlackBerry 10 launch event for January 30, 2013 could also impact sales of current BlackBerry 7 products as some customers may defer purchasing decisions and wait for BlackBerry 10 devices. All these factors are expected to impact unit volumes, subscribers, margins and service fees. In addition, the company will be significantly increasing its marketing spending this quarter as expected, to support the global launch of BlackBerry 10, and the Company expects to report an operating loss for the fourth quarter. Further details about the Company’s outlook will be discussed on the conference call and live webcast t o be held beginning at 5 pm ET today, information for which is set forth below.

 

[Fonte: MondoBlackberry]


1. Messaggistica e Social Network

Quando si parla di messaggistica istantanea e di BlackBerry la prima applicazione che viene in mente è sicuramente il BLACKBERRY MESSENGER: una delle applicazioni, se non l’applicazione principe di RIM e per questo motivo non può mancare sui nostri dispositivi, soprattutto ora che con la nuova versione 6.1 si sono portati alcuni cambiamenti; come gli Avatar animati o la possibilità di cambiare il colore dei fumetti nelle diverse chat. Il BB Messenger è il modo più facile per rimanere sempre in contatto tra BlackBerriani.
Se siete tra coloro che ancora non hanno installato il BBM, QUI c’è la soluzione al vostro problema;
per maggiori informazioni sull’uso: LINK
 WHATSAPP. Questa applicazione rappresenta forse la rivoluzione nel campo della messaggistica istantanea, in quanto ci permette di chattare con tutti i dispositivi Apple, Android e Symbian sorpassando quell’enorme, obsoleto e costoso ostacolo che sono gli SMS.
Whatsapp utilizza la nostra connessione dati e una volta installato, basta soltanto inserire il nostro numero mobile. Non servono infatti password o nickname. Il programma scansiona automaticamente la rubrica e segnala nella cartella “Preferiti” i contatti che lo utilizzano.
Molti ultimamente stanno tentando di imitarlo, ma per diffusione e prestazioni secondo noi, per ora rimane la migliore piattaforma multichat.
Se siete stanchi dei vecchi SMS, ecco dove potete scaricare l’ultima versione di Whatsapp, mentre per iniziare a muovere i primi passi vi invitiamo a leggere la nostra recensione QUI.
 FACEBOOK. Soprattutto sull’onda del successo del social network via web. Facebook e’ un social network da molti detestato, ma anche da molti amato. Per questi motivi abbiamo pensato dovesse entrare nelle applicazioni indispensabili per i nostri BlackBerry.
Con la versione 2.0, l’applicazione è molto migliorata. Soprattutto vi è più facilità e immediatezza per postare le proprie fotografie, scorrere la lista degli amici, entrare nella casella dei propri messaggi personali e novità e, ultima ma non meno importante, la presenza integrata della chat.
Per scaricare l’ultima versione: QUI
Per saperne di più: QUI
 TWITTER. Da qualche tempo anche in Italia è ormai diventato un fenomeno di massa; per essere sempre aggiornati sulle News, in contatto con i nostri amici o leggere i tweets dei VIP questo è lo strumento che fa al caso vostro. Inoltre RIM con il rilascio dell’ultima versione, la 2.1.0.28, ci dà la possibilità di gestire account multipli e non uno unico come avveniva in passato.
Se ancora non fate parte del mondo cinguettante eccovi il LINK da dove potrete scaricare l’applicazione;
per maggiori informazioni invece: QUI.

2. Utility

In questa seconda categoria abbiamo inserito tutte quelle applicazioni che consentono di estendere le funzionalità dei nostri BlackBerry.
 FILE MANAGER PRO e’ un esplora risorse avanzato. Non e’ certamente l’unico disponibile, ma e’ uno tra i migliori. Esso ci consente di gestire liberamente tutti i file sulla scheda di memoria interna e sulla microSD. Lo scopo principale è quello di farci navigare tra le cartelle, comprimere i file in formato zip, copiare, muovere, cancellare e rinominare i file; insomma tutte le funzioni di un Esplora Risorse. Vi è una versione di prova, dopo di che potrete decidere di acquistarlo o meno al costo di € 4.50.
Per scaricare l’ultima versione: QUI
Per saperne di più: QUI
Abbiamo pensato non dovesse mancare un’applicazione per mettere al sicuro tutti i dati che teniamo sul nostro smartphone. Per fare questo ci vengono incontro due applicazioni molto valide una free e una a pagamento. Quella gratuita è sviluppata da RIM ed è
 BLACKBERRY WALLET. Essa ci permette di tenere lontano da occhi indiscreti i PIN dei nostri Bancomat o delle nostre Carte di Credito, le informazioni personali dei nostri account, gli indirizzi e tutto quello che di personale c’è sul nostro dispositivo.
Per scaricare l’ultima versione: QUI
Per saperne di più: QUI
SAFEWALLET PRO: al costo di € 4.50 la SBSH Mobile Software ci offre la possibilità di tenere tutte le nostre informazioni sotto controllo. Si può integrare con l’applicazione SafeWallet PC Companion che è stata creata appositamente per gestire le proprie informazioni dai Computer (Windows o Mac). Il PC Companion si scarica e si acquista a parte.
Se tenete alla vostra privacy a questo indirizzo potete scaricare l’applicazione.
Per riuscire ad utilizzarla al meglio ecco la nostra recensione più dettagliata.
 BLACKBERRY PROTECT. Come dice il nome stesso protegge il nostro BlackBerry.

Può aiutarci a ritrovare il nostro device smarrito attraverso il segnale GPS se lo abbiamo perso all’esterno, oppure emettendo un suono se non lo troviamo quando siamo in casa. Ci permette di mantenere al sicuro le informazioni che abbiamo dentro al dispositivo e di bloccarlo nel caso in cui siamo certi di non ritrovarlo più. C’è inoltre la possibilità di fare il backup dei propri dati in modalità wireless automaticamente, impostando quanto spesso.
Per scaricare l’ultima versione: QUI
Per saperne di più: QUI

3. Tempo libero e viaggi

Dato che ormai i nostri BlackBerry sono proiettati anche verso il mondo consumer, abbiamo pensato ad alcune applicazioni da utilizzare nel tempo libero.
POYNT. Un motore di ricerca totalmente gratuito che ci consente di scoprire nella zona in cui ci troviamo negozi, ristoranti, cinema. Ci permette di trovare le indicazioni stradali dei vari esercizi commerciali,utilizzando BlackBerry Maps o Google Maps, possiamo inoltre consultare il meteo.
Per scaricare l’ultima versione: QUI
Per saperne di più: QUI
BLACKBERRY TRAVEL. Un’altra applicazione nativa di RIM che ci permette di pianificare un viaggio in tutta semplicità; si possono consultare i voli, prenotare gli hotel, noleggiare un’auto; l’applicazione ci aiuta passo dopo passo ad organizzare un viaggio perfetto.
Il link diretto per scaricarlo è: QUI;mentre per chi avesse ancora dei dubbi sul buon funzionamento di un’applicazione per fare un qualcosa di così importante come prenotare un aereo, consigliamo di leggere la nostra recensione.
 SHAZAM e SHAZAM ENCORE. Entrambe le applicazioni hanno il medesimo scopo: quello di riconoscere la canzone che in quel momento radio o tv stanno trasmettendo ascoltandone pochissimi secondi. La differenza tra le due versioni è che la prima è la versione gratuita con delle limitazioni: soli 5 Tag mensili (5 canzoni). Al contrario Shazam Encore con € 5.50 dà la possibilità di avere Tag illimitati, di vedere i video delle canzoni caricate su YouTube e di scoprire le tendenze del momento grazie alla classifica del Tag.
Per scaricare l’ultima versione free: QUI
Per scaricare Shazam Encore: QUI
Per saperne di più: QUI
Come ultima applicazione utility che non dovrebbe mai mancare sui nostri dispositivi è sicuramente un’applicazione per fare gli screenshot: fare una foto di quello che vediamo sullo schermo. Sull’App World ne troviamo molte gratis e altre a pagamento noi proviamo a darvi due valide alternative una free e una a pagamento.
SCREENSHOT ULTIMATE: che ha anche una versione a pagamento; tuttavia quella free si può scaricare a questo indirizzo
 CAPTURE IT: versione a euro 0.75
Per scaricare l’ultima versione: QUI

4. Editor di Immagini

Gli smartphone con le loro fotocamere sempre più potenti, per alcuni, stanno diventando validi sostituti delle macchine fotografiche compatte. Per coloro che amano immortalare ogni istante della propria giornata abbiamo pensato non dovesse mancare un’applicazione di editing di fotografie. Anche in questo caso le alternative proposte nell’App World sono molteplici ed e’ difficile districarsi. Abbiamo scelto le due a nostro parere più complete: una gratis e una a pagamento.
 PHOTOSTUDIO PRO: che ha anche una versione a pagamento, sicuramente più completa. Con la versione free è possibile scegliere tra un numero abbastanza consistente di filtri; non mancano inoltre tutte le varie opzioni che troviamo in qualsiasi programma di editing di immagini come saturazione, contrasto eccetera.
Per scaricare l’ultima versione: QUI
Per saperne di più: QUI
 INSTAPHOTO: il nome richiama subito alla memoria la famosa applicazione Instagram disponibile per Apple iPhone, Ipad e Ipod touch, . Lo scopo di questo programma è lo stesso: quello di editare le proprie foto e poi di condividerle sui social network più importanti. Il suo costo è di € 2.50.
Se volete sbalordire i vostri amici con foto bellissime e particolari, vi consigliamo di scaricare l’applicazione a questo indirizzo.

5. Mappe & Navigatori GPS BlackBerry

Per questa categoria abbiamo scelto i due navigatori GPS BlackBerry per noi migliori sul mercato,
 UBINAV: creato dall’azienda italiana Ubiest SpA, ci permette di trasformare il nostro BlackBerry in un vero e proprio navigatore satellitare. Il costo è di € 30.00 per Ubinav Italia e di € 60.00 per Ubinav Europa.
Per scaricare l’ultima versione: QUI
Per saperne di più: QUI
La seconda scelta è caduta su un navigatore gratuito e in versione beta: TELMAP. Valida alternativa ai navigatori a pagamento e per coloro che non sono ancora del tutto convinti dell’utilità di un navigatore sul proprio smartphone. Abbiamo fatto una prova su strada per voi che potete leggere QUI, mentre per il download l’indirizzo da seguire è questo: LINK

6. Notizie

Anche per questa ultima sezione sono molte le applicazioni disponibili. Per questo  motivo, abbiamo scelto quella che può racchiuderle tutte in una sola.
 BLACKBERRY NEWS: sviluppata interamente da RIM, è un lettore RSS che ci permette di avere tutte le notizie che ci interessano in un unico posto; pratico e semplice da gestire. C’è inoltre la possibilità di condividere le notizie con i nostri amici tramite: SMS, E-mail, BlackBerry Messenger, Twitter. QUI trovate il link per il download, mentre per saperne di più, vi rimandiamo a una nostra recensione.
Moltissime sono le applicazioni che possiamo trovare e scaricare all’interno dell’App World e del nostro BlackBerry Store. Quelle che abbiamo elencato sono solo una minima parte. Abbiamo comunque cercato di proporvi una lista di quelle a nostro giudizio indispensabili e quelle che fanno del nostro cellulare non solo un semplice smartphone, ma un BlackBerry.

Dopo aver lavorato insieme per quasi venti anni in Research In Motion (RIM), la società che produce i BlackBerry, i due co-amministratori delegati (co-CEO) Jim Balsillie e Mike Lazaridis ieri hanno annunciato le loro dimissioni. L’incarico è stato affidato dal consiglio di amministrazione a un manager interno, in attesa di un ulteriore rimescolamento degli incarichi dirigenziali dentro RIM. La decisione dei due co-CEO arriva dopo mesi e mesi di richieste da parte degli investitori, preoccupati per il destino della società e per la sua manifesta incapacità di contrastare efficacemente la concorrenza di Apple, con i suoi iPhone, e degli smartphone che usano Android, il sistema operativo per dispositivi mobili di Google.

Dopo aver dominato per anni il settore dei telefoni cellulari con funzioni avanzate, soprattutto in ambiente aziendale, negli ultimi anni RIM non è riuscita ad aggiornare i propri prodotti per tenere a bada la concorrenza. La società ha accumulato ritardi sia nella produzione di nuovi dispositivi sia nello sviluppo di nuovi sistemi operativi per i suoi BlackBerry. Il recente tentativo di creare un tablet alternativo all’iPad, il BlackBerry PlayBook, è stato fallimentare e ha contribuito a ridurre le prestazioni economiche della società e far diminuire il valore delle sue azioni in borsa.

RIM fu fondata nel 1984 da Lazaridis in Canada, insieme con Doug Fregin, grazie a un prestito concesso dai suoi genitori. Balsillie si unì alla società nel 1992 e da allora ha lavorato in stretto contatto con Lazaridis, decidendo le strategie commerciali dell’azienda. Con le loro dimissioni abbandonano il ruolo principale nella società, ma manterranno comunque notevoli possibilità di controllo all’interno di RIM con ruoli dirigenziali e la proprietà di pacchetti azionari. Lazaridis sarà vice-presidente del consiglio di amministrazione, mentre Balsillie ne sarà solo membro.

Il nuovo CEO nominato dal consiglio di amministrazione si chiama Thorsten Heins. Ha 54 anni e lavora all’interno della società da meno di cinque anni, prima lavorava come dirigente presso la conglomerata tedesca Siemens AG. Nel settore delle società tecnologiche Heins è abbastanza conosciuto, spiegano sul Wall Street Journal, ma nei suoi anni di permanenza presso RIM ha lavorato molto nell’ombra dei due co-CEO che si sono dimessi ieri. All’interno della società Heins si è occupato di software, hardware e del reparto vendite.

I manager di RIM assicurano che Lazaridis e Balsillie non sono stati in alcun modo obbligati ad abbandonare i loro incarichi e che, anzi, sarebbero stati loro stessi a consigliare un cambiamento ai vertici per rendere nuovamente competitiva la società. Una simile richiesta era del resto stata formulata più volte da molti dei principali azionisti di RIM, scontenti per come stanno andando le cose da almeno un anno. Il cambiamento avviene all’inizio di un periodo estremamente importante per il futuro dell’azienda. Per quest’anno sono in programma un rilancio del tablet PlayBook, colmando le lacune che fino a ora l’hanno reso un fallimento, e la presentazione di un nuovo modello di BlackBerry destinato a segnare una forte discontinuità rispetto alle passate versioni. Il piano prevede, inoltre, il lancio di un nuovo e più moderno sistema operativo che dovrebbe rendere più semplice anche l’utilizzo delle applicazioni, sulla scia di quanto realizzato in questi anni da Apple, Google e di recente da Microsoft con WindowsPhone.


Ancora una volta la multinazionale degli smartphone BlackBerry nel mirino di associazioni a tutela dell’infanzia britanniche.

Proprio in questi giorni, infatti, la questione è stata sollevata nell’ambito di una controversia dopo che è stato confermata la facilità di accesso a contenuti illegali di internet, tra cui quelli a contenuto pedopornografico. Dall’estate scorsa, quando sono scoppiate le prime polemiche, BlackBerry avrebbe omesso di implementare blocchi di accesso ad internet a tutela degli utenti, soprattutto dei bambini, al fine di impedire l’apertura di un cospicuo elenco di siti vietati.

La notizia che riporta Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, costituisce un problema non solo d’oltremanica stante la diffusione di questi smartphone nonché l’ulteriore conferma di un allarme già lanciato da alcune associazioni che si occupano della tutela dell’infanzia anche perché gli adolescenti rappresentano una parte cospicua degli utenti del BlackBerry.
Proprio in data di ieri l’autorità di garanzia per le telecomunicazioni britannica “Ofcom” ha manifestato la propria preoccupazione per la vicenda ed ha confermato di aver contattato con urgenza la canadese Research in Motion (RIM), proprietaria del marchio BlackBerry, al fine di risolvere con solerzia il problema.
Tutti gli operatori di telefonia mobile in Gran Bretagna hanno infatti sottoscritto un codice di condotta che assicura la possibilità di un blocco all’accesso ai siti con contenuti sessuali.
Un portavoce della RIM ha dato conferma che entro la fine del 2011, verrà data una soluzione definitiva a questo problema. Mentre l’associazione “Child Exploitation and Online Protection Centre” ha ribadito che tutti i fornitori di servizi hanno la responsabilità di contribuire a salvaguardare l’ambiente online e di definire sanzioni per i trasgressori.


RIM annuncia Mobile Fusion, un nuovo sistema dedicato agli amministratori delle aziende che consentirà loro di gestire da remoto via Web la sicurezzadegli smartphone e dei tablet utilizzati dai relativi dipendenti. La novità di maggiore caratura risiede nel fatto che sarà disponibile, nei primi mesi del 2012, non solo per BlackBerry ma anche per iOS e Android.

Per la prima volta, dunque, una soluzione di RIM – facente parte dellesoluzioni MDM, ovvero multi platform mobile device management – dedicata alla sicurezza, che rappresenta da sempre il core business del produttore, sbarca anche su altri sistemi operativi che non siano necessariamente i BlackBerry. Questo perché i dipendenti stanno aumentando l’uso sul luogo di lavoro di smartphone concorrenti quali iPhoneiPad, smartphone e tabletAndroid, oltre che smartphone BlackBerry e BlackBerry PlayBook.

Con Mobile Fusion, Research in Motion consentirà agli amministratori IT di gestire via Web e da remoto una serie di servizi e configurazioni dei device mobile, quali ad esempio i permessi per installare e disinstallare le applicazioni, le regole per le password, i profili di connessioni alle reti interne, certificati e il blocco o la cancellazione totale dei profili qualora uno smartphone o un tablet venisse smarrito dal dipendente o rubato.

RIM vuole che il proprio sistema diventi la piattaforma de facto, come dichiarato da Alan Panezic, vice presidente enterprise product management dell’azienda:

«Siamo lieti di presentare BlackBerry Mobile Fusion per rendere più facile per i nostri clienti commerciali e governativi di gestire la diversità dei dispositivi nelle loro operazioni. BlackBerry Mobile Fusion mette insieme la nostra leader nel settore della tecnologia BlackBerry Enterprise Server per i dispositivi BlackBerry con funzionalità di gestione di dispositivi mobili per iOS e Android, il tutto gestito da una console basata sul web. Esso fornisce la funzionalità di gestionenecessarie per consentire ai reparti IT di controllare con fiducia l’utilizzo di dispositivi mobili, sia di proprietà della società e di proprietà dei dipendenti all’interno delle loro organizzazioni»

Il sistema di sicurezza Mobile Fusion ha subito trovato vari consensi all’interno del settore IT ma, al contempo, non sono mancate le critiche, come quella espressa da Phillip Redman, analista di Gartner, che ha sottolineato come il sistema potrà mantenere le aziende nell’universo di RIM ma non consentirà al produttore di vendere più BlackBerry, cosa necessaria affinché possa riacquistare la quota di mercato persa negli ultimi tempi a causa del successo di iPhone e Android.